Sweet Flame

Standard

Perché sono una rocker e una romantica…

E la ruota gira, e la nave va, un altro giro di giostra, altro giro altra corsa, le seconde possibilità, le terze volte, le quarte e così via, il giro di boa, il cambio di rotta, e siamo ancora qui, a loop, a refrain, a iosa e a giro. La festa delle donne, la festa del papà, la festa della mamma, Natale, Pasqua, l’Epifania, i compleanni, gli onomastici. Odio le feste, odio gli auguri, odio le ricorrenze, se la storia è finita, perché mettere ogni anno, la mano nella melma, tanto ci troverete solo larve e un pugno di putridi insetti. I convenevoli, l’elogio della bella gente che fu, solo di quella che è stata davvero importante, ricchi premi e cotillon. Melma. Annaspate nella melma verde e puzzolente. Per fortuna che c’è la musica, altrimenti non sarei sopravvissuta. Mi accendo una sigaretta e penso  che alla fine c’è l’hanno fatta sti bastardi a chiuderci in comportamenti standardizzati, prevedibili, rintracciabili, probabilmente anche il mio sfogo su questo blog è circoscritto ad una categoria: la categoria di quelli contro, dei polemici, dei brontoloni, dei rivoluzionari, boh, non so, dei ribelli forse? E sì, mi sento in gabbia, siamo chiusi in tante gabbie tutte comunicanti tra loro, ma queste gabbie sono aperte, e noi possiamo volare, tra una gabbia e l’altra, senza guardare mai il cielo, senza guardare il terreno, solo la strada, e la morte non è morte, e i problemi non ci sono. Accidia. Una platea di accidiosi, pigri, disincantati, scarichi, distratti, automi, indifferenti, esausti, stanchi. Forse siamo come quegli insetti dentro la melma, ridotti allo stato di plancton, siamo in un brodo primordiale senza possibilità di sviluppo, siamo sulla giostra dei cavallucci bianchi che non gira, però, siamo in fondo al corridoio in un angolino, impauriti. E poi c’è la musica, per fortuna. Ho riascoltato tutta la discografia di Tenco. Brividi à flor da pele. Penso che non ci siete più. Vi guardo sfilare davanti il divano blu, ma siete lontani lontani. Penso alla mia fiamma, che non si spegnerà mai, perché è a reazione nucleare! E non avrete mai il mio scalpo, e oggi non sarà mai un buon giorno per morire.

The Velvet Underground, Sweet Jane, Loaded, WB 1970

viviennelanuit©

Un pensiero su “Sweet Flame

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.