Anche le mie donne non hanno paura di volare…

Standard

Il punto però è un altro. Con poche battute l’ha immortalato Lidia Ravera, la celebre autrice di “Porci con le ali” e che ora sigla la prefazione della riedizione di un classico: “Paura di volare” di Erica Jong, un vero e proprio manuale di libertà, più che di erotismo, riedito da Bompiani a quarant’anni dalla prima edizione americana (1973). Il punto, come osserva Ravera, è che rispetto alla Jong le eroticissime scrittrici contemporanee «non raccontano la vittoria di una donna su se stessa, la sua conquista del desiderio, della libertà di sperimentare, raccontano il piacere di soccombere, la voluttà dell’obbedienza, lo strapotere del maschio miliardario e sadico».

Scrivo le storie di una donna e di tante donne. Non parlo di sottomissioni, ricatti, sotterfugi e liberatorie da firmare! Sì, talvolta, ho utilizzato l’amore Kinky nei miei racconti a scopo, come dire, “funzionale” a un certo tipo di ricerca del piacere! Amore Kinky sempre soft e “mooltoo diluito” per intenderci 😉 Alcune persone intraprendono “strade diverse”, non “perverse” per incontrare lui, “Le grand O” delle mie avventure, e l’orgasmo è una declinazione della propria psiche, con precise desinenze. Sempre nei limiti dell’attuabile! Non sto qui a redigere un muro, tra quelli che sono d’accordo con le 50 sfumature, e gli scettici posti al di là di questo, ma un punto fermo devo metterlo. Parlo innanzitutto di donne indipendenti e consapevoli, energiche e ottimiste, coraggiose e poco disponibili a scendere a compromessi. Donne che in giro non si vedono quasi più per farla breve! Parlo di solidarietà, di sfoghi infiniti quando si beccano uomini sbagliati, che per me non sono mai sbagliati, ma piuttosto che  hanno “esaurito la carica!”. Insomma io scrivo storie d’amore, in bilico tra il feuilleton e l’Harmony tutto rosa, tra la Lyala rispolverata e la Jong più agguerrita, tra l’ Anais Nin d’annata e le cose non dette. Ma non tra l’ Anastasia Steele e le cazzo di catene! No, quelle no!

Annunci

3 pensieri su “Anche le mie donne non hanno paura di volare…

  1. E le donne dei tuoi racconti sono molto più eccitanti e intriganti di tante altre, anche di quelle che usano catene o che sono vittime di chissà cosa. E’ facile fare horror scrivendo di sangue o fare sesso scrivendo di perversioni, più difficile farlo usando il fioretto, come fai tu.

    Liked by 1 persona

  2. Ti rispondo Vagoneroulotte! Perché in amore, perché è di quello che io parlo, esiste l’ordinario e lo straordinario, “i buoni” e i “cattivi”, il rosso e il nero, i lati oscuri della luna e quelli illuminati del sole, e bisogna decidere da che parte stare, bisogna operare delle scelte anche nel godimento, per Lui, per raggiungerlo. Fin qui nessun problema, niente giudizi, né polemiche, ma il mio punto di vista è femminile, e so che una donna non sempre è onesta, a volte bara… quindi è meglio optare per una via “franca”, “genuina” da “ABC”, ecco! Quindi impariamo l’alfabeto dalle vocali, tanto poi ci arriviamo alla Z! Questo per dire che la vita sessuale di una donna è fatta di tappe e conquiste, tutte raggiunte gradualmente, anzi è proprio quella la “chiave del successo!” e non attraverso umiliazione, sottomissione, segregazione in una stanza degli orrori di cuoio, del cavolo…! O meglio crederei anche a tutto questo, ma stiamo già ad una “fasa avanzata” di conoscenza… la frusta, le catene, la pelle… rappresentano un livello diverso, non perverso come ho scritto. E sono sempre più convinta che, oggi più che mai, sia il lasciarsi andare la più grande delle perversioni… poi, il restante “Kinky” (quello politically correct!) verrà da sé, se verrà!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...