June II

the doors
Standard

Con Yannick avevamo deciso di prenderci una pausa, dopo il viaggio a Salonicco avevo realizzato di quanto fosse superficiale e banale, di quanto fosse così bravo a letto, ma così vuoto, come una scatola tutta infiocchettata con dentro solo paglia, come un enorme palloncino pieno di elio, come un pensiero geniale che non trova risoluzione nel pratico. Ennesima delusione, tanto poi ci ricasco, vita permettendo. […]  http://www.viviennelanuit.it/2017/02/11/june-ii/

I have my freedom but I don’t have much time

Standard

Vento di mare

viviennelanuit

Ho deciso di non avere fretta, voglio prendermela con calma, senza stress. Voglio tornare a casa, togliermi le scarpe, infilarmi i vestiti più comodi del mondo e ciondolarmi sul divano blu con la mia tisana al miele, aspettando la tua chiamata, aspettando che ti fai vivo, perché dopotutto è quasi venerdì sera, e non puoi lasciarmi da sola. Ho deciso di respirare col diaframma, col metodo yoga, senza incamerare aria nello stomaco, inspirando dalle narici ed espirando dalla bocca,  c’è il tuo profumo sul divano blu, prendo un cuscino lo avvicino al viso, lo spingo contro la faccia, voglio uccidermi, o voglio baciarlo?  Lo abbraccio, inalo forte il sapore che hai lasciato sopra.

Per leggere tutto il racconto visita http://www.viviennelanuit.it/2016/04/23/i-have-my-freedom-but-i-dont-have-much-time/

viviennelanuit©

View original post

Wanna go clubbing tonight?

Standard

viviennelanuit

Nel quartiere di Monastiraki sembrava tutto fermo, nella Sinagoga non entrava nessuno, il portone era sbarrato, eppure una tenda di lato il chiostro, sventolava in silenzio, forse qualcuno la muoveva di nascosto, senza farsi scoprire. Il baretto non sfornava più kebab e gli alberghi a ore non avevano più amanti, il mercato era diventato una gigantesta pantomima di ambulanti che mercanteggiavano spezie, formaggi di capra e baklava. Camminavo con il mio splendido vestitino azzurrino H&M appena acquistato a Kolonaki ad un prezzo ridicolo, e il vento mi alzava la gonna e mi piaceva quell’aria fresca tra le cosce, dopo una settimana di caldo torrido da pezze in fronte. Bevevo un Freddoccino, così i greci chiamavano una specie di poltiglia di caffè, gelato, acqua, ghiaccio e dato che era il tramonto, riuscivo a scorgere le luci dell’ acropoli che erano soffuse, le Cariatidi erano come manichini stilizzati, i turisti bivaccavano in…

View original post 901 altre parole

Wanna go clubbing tonight?

Standard

Nel quartiere di Monastiraki sembrava tutto fermo, nella Sinagoga non entrava nessuno, il portone era sbarrato, eppure una tenda di lato il chiostro, sventolava in silenzio, forse qualcuno la muoveva di nascosto, senza farsi scoprire. Il baretto non sfornava più kebab e gli alberghi a ore non avevano più amanti, il mercato era diventato una gigantesta pantomima di ambulanti che mercanteggiavano spezie, formaggi di capra e baklava. Camminavo con il mio splendido vestitino azzurrino H&M appena acquistato a Kolonaki ad un prezzo ridicolo, e il vento mi alzava la gonna e mi piaceva quell’aria fresca tra le cosce, dopo una settimana di caldo torrido da pezze in fronte.[…]

http://www.viviennelanuit.it/2016/04/17/wanna-go-clubbing-tonight/

ROBI AT FIRST SIGHT

viviennelanuit
Standard

Da piccola guardavo con ammirazione la mia vicina di casa. La mia vicina era una donna piacente sopra i quaranta anni, mora, con gli occhi chiari e sposata all’architetto rampollo-Risky Business. Quando usciva per fare la spesa indossava sempre tacchi altissimi e non si faceva mai vedere senza rossetto. La beccavo sempre nel palazzo, concentrata a scendere le scale sculettando per essere vista. Io abitavo all’ultimo piano, e ci mettevo un casino di tempo per salire a casa, l’ascensore non la prendevo manco morta e salivo quei piani lentamente, inventando le storielle più assurde: guerriera in un mondo fantasy alla Fantaghirò, giustiziera della notte con un fucile a pompa nella mano destra, Robin Hood in gonnella che seduceva il principe Giovanni. Posso dire che salire le scale da sola, insieme all’andare in bicicletta, siano state la mie prime prove di ebbrezza di libertà. La mia vicina di casa piangeva mentre stendeva i panni, per strada parlava da sola, e imprecava contro i figli maledizioni indicibili. Un giorno la fermai e le chiesi perché facesse la madre, le dissi con voce ferma che i bambini non si picchiavano, e che se l’avesse fatto ancora avrei chiamato gli assistenti sociali, il telefono azzurro e i pompieri. Avevo solo dodici anni, ma ero già una piccola stronzetta in erba […]

Per leggere tutto il racconto visita: http://www.viviennelanuit.it/2016/03/25/robi-at-first-sight/

viviennelanuit©

Foto: eccoti!